All'inizio del XVII sec. fu fondata dal filosofo e astronomo  Foscarini una Accademia, che rinacque come Accademia degli Inculti un secolo dopo e conseguì fama europea.

All'indomani  dell'unità  d'Italia, trascorse 6  anni  dell'infanzia  a Montalto  (ove il padre era venuto come giudice)  Ruggiero  LEONCAVALLO; nel  1865  assistette  al  fatto  di  sangue  che  gli  ispirò  poi  "Pagliacci"; sempre legato sentimentalmente al paese, Leoncavallo divenne cittadino onorario nel 1903.

Fin dall'inizio del Novecento operarono, come fondatori di congregazioni,  Suor  Elena  Aiello  (la Monaca Santa) e  Don  Gaetano  Mauro  (il Decano); per entrambi è avviato il processo di canonizzazione.

La  tradizione culturale resta viva nell'attività di numerose  associazioni e circoli.